<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=277468536982614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
1-set-2017 9.19.08

Scuola di moda, fashion school, istituto di moda: cosa cambia?

Ci sono passioni che nascono lentamente dentro il cuore delle persone, e la moda è certamente una di queste. Alcuni ragazzi perseguono questa passione fin dall’inizio, altri invece si attardano in ambiti differenti per poi immettersi nuovamente sulla strada abbandonata. Comunque, ad un certo punto, arriva il momento di scegliere il nuovo percorso formativo in linea con le esigenze dello studente. Meglio una scuola di moda oppure un istituto di moda? Più che altro c’è differenza tra i due? In questo articolo cerchiamo di fare chiarezza sulla terminologia usata nel settore della formazione in moda.

Laboratorio - Guest-Speaker.png

La moda vista da fuori

Gli ambiti lavorativi all’interno del settore moda sono molteplici e tutti interconnessi tra loro. Spesso quando si pronuncia la parola “moda” ciò che veramente si sprigiona nella mente delle persone è il magico mondo delle passerelle e della Milano Fashion Week. Abiti magistralmente confezionati che fluttuano nell’aria appesi a sinuose figure in movimento; carismatici stilisti che con il loro estro valorizzano il marchio Made in Italy; celebrities e fashion blogger che indossano le ultime novità proposte dai brand più famosi, ingolosendo i follower. Moda è anche questo, ma non solo.

Moda è sinonimo di creatività, di potere mediatico, di artigianato, di business skills, di comunicazione e di industria. Per ogni zona operativa serve professionalità e competenza, quindi abilità maturate durante un adeguato periodo di formazione didattica e sul campo. In base all’ambito prediletto, quindi, lo studente dovrà scegliere quale percorso intraprendere e quale struttura frequentare.

Qui però arrivano i primi problemi e le prime domande esistenziali: per trovare lavoro dopo la triennale mi conviene optare per una scuola di moda o per un istituto di moda? Il livello qualitativo è lo stesso? Ma la fashion school è l’equivalente della scuola di moda in inglese? Tutte queste domande le abbiamo sentite nel corso della nostra esperienza in Milano Fashion Institute ed è per questo che abbiamo deciso di fare più chiarezza in merito e sfatare qualche mito.

Scopri Milano Fashion Institute attraverso le testimonianze dei suoi studenti.  Ecco a te il Report.

Differenze percepite ed effettive

La carriera studentesca è composta di varie fasi e tutte sono focalizzate al raggiungimento di un determinato obiettivo. Lo studente sa che, nella società attuale, perseguire i propri sogni - quindi decidere di voler lavorare in un settore ed uno soltanto - non è cosa semplice e necessita di studio, pratica, contatto diretto con il mondo del lavoro e sblocco emotivo. Per arrivare all’obiettivo finale lo studente deve guardarsi intorno, scrutare tra i vari mezzi messi a disposizione dalla società e trovare l’istituto in grado di supportarlo adeguatamente. È perciò di fondamentale importanza non arretrare davanti a banalità come l’appellativo della scuola nella quale ci si vorrebbe iscrivere.

Il problema principale sta nella percezione che le persone hanno di determinate parole. Pare che “scuola” sia meno efficacie di “istituto”, mentre fashion school suona più cool e innovativa, probabilmente perché derivante da una cultura diversa da quella italiana. Ma svisceriamo la questione relativa alle denominazioni più in dettaglio:

  • Scuola di moda: nell’immaginario comune scuola di moda si riferisce a due ambiti formativi diversi. Il primo è quello della scuola superiore, o accademia, specializzata nel settore della moda lato manifatturiero e dell’artigianato. Il secondo caso è invece relativo a veri e propri corsi post lauream, organizzati da istituti privati che hanno come obiettivo quello di formare professionisti nell’ambito manuale (sartoria, progettazione ecc) e della creazione (stilista).
  • Fashion school: anche in questo caso la credenza generale è quella di avere a che fare con un organismo privato, dall’alto tasso di innovazione, in grado di trasformare studenti in talentuosi stilisti. Quando si sente parlare di fashion school infatti ci si immagina un’ambiente dinamico e creativo, circoscritto alla sola crescita artistica dello studente.
  • Istituto di moda: istituto, nella concezione comune, pare essere un termine più adatto a una tipologia di formazione meno creativa e più strutturata. Per questo motivo, quando si parla di istituto di moda si tende a pensare che sia il comparto manageriale e direzionale del settore fashion.

È giunto il momento di dire le cose come stanno: questi termini si equivalgono e possono essere utilizzati in qualsiasi ambito, ovviamente all’interno del settore della moda, senza che ciò influisca sulla qualità del servizio offerto e sulla tipologia di programma fornito. Esistono strutture che indirizzano al lavoro sartoriale e manuale denominate “istituti di moda”, altre invece che insegnano come tirare le fila di un’azienda nel settore fashion chiamate “scuole di moda”.

Per saperne di più prenota una consulenza. Di certo possiamo fugare i tuoi  dubbi a riguardo.

Nel nome Milano Fashion Institute, per esempio, abbiamo voluto racchiudere tutto quello di cui andiamo fieri:

  • La città di Milano è il primo elemento in quanto cuore pulsante del fashion italiano e internazionale nonché culla di sempre nuove opportunità professionali. Milano è una città ricca di vita e di calore, la quale ospita al suo interno oltre 3.000 aziende di moda e 600 showroom nazionali e internazionali.
  • Le rinomate collaborazioni con i maggiori brand del fashion italiano. Milano Fashion Institute dà la possibilità ai suoi studenti di sperimentare sul campo cosa significa fare parte di aziende strutturate nel mondo della moda: tutto ciò è possibile grazie ai nostri percorsi di internship.
  • L’insieme delle professionalità e delle esperienze portate dai docenti di 3 delle più rinomate Università di Milano: L’Università Bocconi, l’Università Cattolica e il Politecnico di Milano.

Per concludere

I titoli di “scuola di moda”, “fashion school” e “istituto di moda” non specificano un particolare ambito formativo, ma il loro utilizzo è discrezionale. Abbiamo voluto fare chiarezza, perché riteniamo importante che lo studente sia conscio di ciò che lo circonda, prima di incamminarsi verso lo step formativo successivo.

Per qualsiasi domanda o approfondimento in materia non esitare a contattarci. Milano Fashion Institute e il suo Team sono sempre pronti quando si tratta di consigliare e aiutare nelle scelte difficili.

Testimonianze studenti MFI